privé

Taste & Travel Privé è una parentesi letteraria più intima, dove l’anima si rivela attraverso le parole.

Teatranti tra tanti (Privé)

Giullari e musicanti, attori e funamboli, equilibristi e giocolieri. Cittadini e turisti. La bella Lugano in questi giorni è ancor più multiforme della sua colorata quotidianità. Il Buskers Festival – il festival degli artisti di strada - sta vivendo in pieno la sua...

leggi tutto

L'istante perfetto (Privé)

La voce del vento anticipa l’odore della pioggia. L’attesa del temporale sembra dilatare il tempo e crea una sospensione surreale che cuce lago e cielo. Le nuvole s’agitano in un tumulto multiforme mentre la superficie plumbea dell’acqua s’arriccia in argentee...

leggi tutto

Parole per 'caso' (Privé)

Una pagina bianca somiglia al silenzio. Un immenso vuoto da riempire di musica, di colori, di vibrazioni. Basta poco, basta un soffio per riversare in quella voragine immacolata un arcobaleno di emozioni. Basta il desiderio di sprofondare, senza temere di lasciarsi...

leggi tutto

Soffi di danza (Privé)

Una candela può spegnere le stelle. Fa l’amore con il vento la fiammella, danza sensuale nel silenzio caldo della notte. Ombre e luci che si rincorrono al rallentatore. Mentre in sottofondo il clamore di un trionfo non sentito sfuma nel vuoto di una porta semiaperta....

leggi tutto

La forma del tempo (Privé)

  Tracce. Tracce dei nostri gesti, dei nostri discorsi, dei nostri silenzi. Tracce di noi. Di ore passate ad annusarci, a toccarci, per indovinarci, reciprocamente. L’impronta delle labbra sul bicchiere, l’asciugamano profumato sul letto, un capello tra i cuscini...

leggi tutto

Tornare a volare (Privé)

Tornare a casa. Slacciare le stringhe e liberarsi delle scarpe. Ritrovare sotto i piedi il vento, tra le mani il sudore, negli occhi la bellezza del verde, del sole, della libertà. Sono bastate poche ore nel cuore della Svizzera per rinvenire, nella bella Valle...

leggi tutto

Pensieri nebulosi (Privé)

E se le nuvole fossero pensieri? Pensieri sputati in aria da ogni cuore che sente, che pensa, che tace. Rosa, azzurri, grigi, bianchi. Rossi di desiderio, viola di vergogna, lividi di vita. Cambiano forma, misura, spessore. Facce di vecchi, musi di cani, pinne di...

leggi tutto

All'ombra quieta del tempo (Privé)

Imponente eppure gentile. Solido eppure fragile. Orgoglioso eppure umile. Sostare all’ombra quieta delle sue generose braccia trasmette la sensazione di un rassicurante abbraccio. Creatura secolare, cresciuta fiera e fedele alla sua terra, l’Eucalyptus che s’erge nel...

leggi tutto

Tra le tue ali (Privé)

Credevo d’esser sola. Invece quando ho schiuso gli occhi leccati dal sole e ho posato lo sguardo sull’acqua appena sotto il molo di legno, ecco comparire la meraviglia. Il cigno che a lungo avevo spiato covare a ridosso di un riparo, non poco lontano da lì, si era...

leggi tutto

La segreta bellezza (Privé)

È sempre lo stesso cielo eppure ogni sera cambia. Cambia vestito. Si colora di nostalgia, di eccitazione, di romanticismo, di desiderio, di timore, di impazienza. È uno specchio d’aria infinito, questo cielo lacustre, uno specchio in cui riversare i propri cangianti...

leggi tutto

L'incontro e il caso (Privé)

“Una donna non sente. Una donna sa!” Queste erano le parole esatte che mi rimbalzavano nella testa mentre camminavo nel sole, questa mattina in città. Parole che, passo dopo passo, coronavano un ragionamento ben distinto e che scolpivano la mia mente con precisione...

leggi tutto

La calamita (Privé)

C’è un tempo per la semina e uno per la raccolta. A un certo punto del cammino esistenziale s’impone una sosta di riflessione, dettata dall’inevitabile scorrere degli anni. I bilanci, si sa, bussano puntuali a ogni giro di boa (almeno) costringendo a soppesare...

leggi tutto

L'occhio invisibile (Privé)

C’è un retrogusto dolce nel sapore amaro di star poco bene. La sensazione di impotenza ai brividi di febbre diventa quasi un pretesto affinché ad ogni brivido segua una carezza, ad ogni fitta un abbraccio, ad ogni smorfia un sorriso. É il privilegio che qualcuno si...

leggi tutto

Il quadro più bello (Privé)

Allungo lo sguardo fin dove le colline baciano le nuvole, gravide anche questa sera di ombre umide. E allaccio scorci. Spicchi di grigi, fette d’azzurri, coni di rosa, triangoli d’oro. Forme e colori diversi tra loro pennellano il cielo dopo la tempesta e la sagoma...

leggi tutto

L'amante … temporale (Privé)

Non dà tregua. Questa notte non dà tregua. Il temporale non lascia respiro al cielo gravido, che si scaraventa in lame di luce sul lago affondato nel buio. Picchia, graffia, colpisce i vetri della finestra volutamente schiusa per invitare la voce del vento che s’agita...

leggi tutto

Essere e non essere (Privé)

Siamo tutti altrove. E i luoghi di transito lo dimostrano esemplarmente. Stazioni ferroviarie, aeroporti, porti sono tutti immensi spazi liquidi in cui le persone galleggiano come minuscole bolle sulla scia invisibile di un tragitto già abbozzato. Siamo tutti in...

leggi tutto

La conversione laica (Privé)

L’aveva promesso. Non mi avrebbe detto quando ma mi aveva promesso che l’avrebbe fatto. Demolire un mio tabù sedimentato da decenni e rispettato sempre con severa fermezza. Sono stati sufficienti un po’ di musica, un paio di calici di bianco e una flebile candela a...

leggi tutto

L'odore della pioggia (Privé)

Come d’incanto il cielo si spoglia. Dopo tanto piangere, le nuvole svuotate della loro stessa essenza si arrendono ed esauste si posano lungo i fianchi delle colline, anch’esse svestite del loro verde ossigeno. Vaporose aureole discese dalle vette imbiancate disegnano...

leggi tutto

Coup de foudre letterario (Privé)

Brivido caldo che scorre sottopelle. Impercettibili onde di desiderio che pulsano dall’animo senza un perché abbeverando il corpo di un godimento ancora assente. Quel che si scatena quando tra due estranei scatta il cosiddetto “colpo di fulmine” è tanto inspiegabile...

leggi tutto