privé

Taste & Travel Privé è una parentesi letteraria più intima, dove l’anima si rivela attraverso le parole.

Meride, il borgo scolpito nel tempo

È una domenica qualunque. Ma potrebbe anche non essere domenica, perché ultimamente i giorni si ripetono apparentemente identici a se stessi e le settimane si dilatano dentro un tunnel di cui non s’intravede l’uscita ma se ne avverte solo il silenzio.  Questa...

leggi tutto

Sparse solitudini e saporite coccole

La sensazione che questo virus abbia segnato la fine di un’epoca e l’inizio di una nuova è forte e mette i brividi. Qualcuno, con acuta ironia e senza alcuna intenzione dissacrante, azzarda un apocalittico “A.C” e un “D.C”, dove “C” sta, ahinoi, per Corona!  In...

leggi tutto

Regina Natura

Mentre l’Umanità è malata, la Natura rinasce.  I cieli sono limpidi, i mari trasparenti, i boschi puliti, l’aria buona. Compaiono i delfini nelle acque di Venezia, le lepri nei parchi di Milano, le anatre nelle fontane di Roma e chissà quali altre creature verranno...

leggi tutto

Life is …

“Life is what happens to you while you’re busy making other plans…” La vita è quello che ti succede mentre sei occupato a fare altre cose. Così cantava sentimentalmente John Lennon anni fa e questo ricamo musicale suona quanto mai saggio oggi.  Chi l’avrebbe mai...

leggi tutto

Primavera nell’ombra

In questo momento tanto drammatico per tutti, la primavera sboccia nell’ombra, quasi del tutto inascoltata. Eppure, puntuale, è arrivata e si posa come una mano materna sulle nostre spalle a confortare col suo tepore la gravità dei nostri pensieri.  Dalla finestra di...

leggi tutto

Dissipatio…tra fiori, cigni e sorrisi

Le camelie traboccano di turgidi fiori già abbondantemente maturi, mentre le magnolie svettano flessuose con fragranti boccioli assetati di sole. Peccato passi quasi inosservata ai più tanta bellezza che, di giorno in giorno, muta, si reiventa, si spoglia e si riveste...

leggi tutto

Sabai Sabai, tra luci e ombre

Pensavo che tornare in Thailandia dopo appena dodici mesi sarebbe stato come rivedere un bel film. Un appuntamento piacevole certo ma, tutto sommato, un déjà vu. Invece no!  Oggi, da poco tornata a casa, ripensando ai tramonti, alle albe e agli scenari di questa...

leggi tutto

Dalla Mongolia al Monte Boglia

Quando mi avventuro su per qualche montagna del Cantone spero sempre di non incontrare gente. La bellezza dell’arrampicata sta anche nel silenzio, nella solitudine o, tutt’al più, nella compagnia di chi condivide il nostro stesso ritmo. Ma questa volta, la mia...

leggi tutto

La piccola grande Donna della Leventina

Oggi la montagna mi ha aperto le sue braccia in maniera inattesa. Ad accogliermi, il sorriso sincero di una Donna, di cui avevo finora solo sentito ben parlare. Già al primo sguardo la percepisco famigliare, affine, amica e d’istinto mi piace. Mi trovo a Catto, in una...

leggi tutto

La Regina delle Nevi e il dio Sole

“Se si deve percorrere con lo sguardo una superficie ghiacciata, si guarda in maniera diversa. Si lascia che i particolari vadano fuori fuoco a vantaggio dell'unità…”. È una frase recuperata dal romanzo di Peter Høeg, Il senso di Smilla per la neve, che negli anni ’90...

leggi tutto

Monte Boglia, alla conquista del blu

Quando l’inverno dimentica il suo rigore e regala una giornata a dir poco primaverile bisogna approfittarne. Scarpe comode, nordic, gambe forti e tanta sete di vita! Via, si parte alla conquista di una delle molte cime che abbracciano il nostro bel Cantone. Non serve...

leggi tutto

Lo stupore nel cuore

L’ultimo giorno dell’anno non mi è mai piaciuto. Allergica a cenoni inutilmente opulenti e a fragorosi countdown comandati, il mio desiderio più vero è sempre stato quello di lasciar sfumare il tempo in punta di piedi fino all’indomani, come se niente fosse, nella...

leggi tutto

Come una nobildonna in abito da sera

Piazza della Riforma, Lugano Mi pare ieri che m’arrampicavo sul Monte San Salvatore in calzoncini e maniche corte. Era già novembre ma il piacere della camminata sotto un tardivo sole, da Pregassona alla vetta e ritorno, imprimeva alla pelle un sudore ancora estivo...

leggi tutto

Knie, cent’anni di magia

Duecentotrenta operatori. Trentasette artisti da otto Paesi. Settecento chili di paglia al giorno. Novecento di mangime. Quarantatré formazioni in carovana. Quarantotto carrozze su due treni speciali. Duemilacinquecento chilometri percorsi su ferrovia. Tremilaseicento...

leggi tutto

E mi ritrovo così …

Ogni volta che osservo le montagne attorno al lago mi meraviglio. Sono sempre le stesse eppure mai uguali. Non sono solo i colori degli abiti che indossano a cambiare con le stagioni ma anche il loro profilo. Almeno a me così sembra. Avvicinarle, circondarle,...

leggi tutto

Ricomincio da 1

Ogni pretesto è buono per festeggiare. Anche quando si tratta d’invecchiare.  Ebbene sì, un anno in più sembra piombare così, all’improvviso, in un giorno qualunque che si trasforma in una data speciale. Speciale non solo per l’ennesimo giro di boa superato, tutto...

leggi tutto

Tra il riso e il pianto

L’autunno entra in scena vestito di festa. Con puntuale disinvoltura stende un velo di malinconia sul lago non ancora sazio di sole. Il sipario si chiude definitivamente sui lidi che fino a ieri respiravano aria di spensieratezza. Echi di musica, di danze, di cene...

leggi tutto

Settembre, carezza di calore

Il dolce scivolare dell’estate nell’autunno mette pace. Settembre è un limbo che sapora di miele e vaniglia, colora i crepuscoli di pesca e le albe d’albicocca, riempie l’aria di effluvi a metà tra le golose grigliate d’agosto e i teporosi camini d’ottobre. Le...

leggi tutto

Affresco mediterraneo

É ancora buio. L’alba s’attarda ma la vita fuori è già sveglia.  Dalla finestra della camera, un alito di vento fa danzare la tenda, scostandola, e la voce della campagna mi dà il primo buongiorno. Uccelli di specie a me sconosciute si scambiano messaggi per loro...

leggi tutto