privé

Taste & Travel Privé è una parentesi letteraria più intima, dove l’anima si rivela attraverso le parole.

C’è chi dice NO.

Ciao, come stai? È un po’ che non ci si vede. Bene, grazie, io bene. E tu? Ti sei già vaccinata? Veramente no …  Tu sì, immagino. Ma certo, da un pezzo! E ho già il Covid-pass, finalmente posso muovermi liberamente. Tu sei matta, cosa aspetti a vaccinarti?...

leggi tutto
Cani, topi e umane emozioni

Cani, topi e umane emozioni

Un boccone rosso scarlatto. Evidentemente assai succulento, visto che Nexi lo tratteneva con le zampe anteriori, beatamente spaparanzata sul prato, leccandolo avidamente. Appena il tempo di avvistare dalla finestra la scatola nera poco più in là del cane,...

leggi tutto

Il grande reset, fuori e dentro di me

“Accadeva un anno fa oggi”. Spesso gli spazi social che utilizziamo ci ricordano momenti trascorsi negli anni passati, momenti per lo più piacevoli visto che, evidentemente, li avevamo condivisi pubblicamente. Fotografie di paesaggi fiabeschi e amici d’avventura, di...

leggi tutto

Il piccolo sopravvissuto

Ci sono notizie che nessun giornalista vorrebbe mai scrivere. Tragedie per cui le parole non riescono minimamente a sfiorare il dolore della realtà.  Eppure, grottescamente, sono proprio queste le notizie che più vengono lette. Quelle in cui i fatti tragici,...

leggi tutto

L’amica panchina

In legno, in pietra, in cemento o in ghisa. Sinuose, squadrate, con braccioli e schienale o senza.  È l’oggetto pubblico tra i più ricercati, in questi ultimi mesi. Nelle piazze, nei parchi, sul lungolago o sul lungomare, ad ogni ora della giornata l’appuntamento...

leggi tutto

Due volte mamma

Nel giorno in cui universalmente si celebra la “mamma”, mi vien spontaneo pensare alla “nonna”. Perché una nonna diventa madre per la seconda volta. Ha l’occasione privilegiata di ricominciare a prendersi cura di chi ha la fortuna di poter godere di tutto il suo...

leggi tutto

Padroni della propria Libertà

“La libertà di coscienza affascina l’Essere umano ma, anche, non c’è niente che dia all’Essere umano altrettanta angoscia. Se non vede segnato davanti a sé un cammino preciso, l’Essere umano non sopporterà questa vita. Appena è libero, corre a cercare qualcuno di...

leggi tutto
L’oasi sacra di Santa Petronilla

L’oasi sacra di Santa Petronilla

Via, lontano da tutto. Dal rumore, dal traffico, dalla gente. La fame di silenzio e pace si fa sempre più mordente, almeno per me, e con un velo di insana nostalgia ripenso alla scorsa primavera quando la Natura era sovrana assoluta, a dispetto di un’umanità...

leggi tutto
Tracce nella neve

Tracce nella neve

La neve è l’immagine della purezza, del candore, della gentilezza. Mai avrei pensato che persino la neve potesse suscitare sentimenti di ostilità e rivalità tra esseri umani. L’ho scoperto ieri, imbattendomi casualmente in un post pubblicato su un social network in...

leggi tutto

Il sapore dell’amicizia

Ci si abitua a tutto. Ci si abitua alle assenze, alle attese, alle rinunce. In fondo, a volte, sentire la mancanza di qualcosa o di qualcuno non fa altro che accentuarne il desiderio. Così, l’abitudine si fa speranza. Oggi, dopo l’ennesima coltellata alla riapertura...

leggi tutto
Incontri

Incontri

Le vere amicizie si contano su una mano. Tre, quattro, forse cinque. Ed è tantissimo.  Per qualcuno non è così facile socializzare ma una volta rotto l’argine, ecco che l’anima si fa dirompente e si dona tutta, senza freni.  È un istinto che somiglia a quello del...

leggi tutto
Giochi, errori e sogni

Giochi, errori e sogni

Non gioco più. Mi fermo e ascolto cosa può portare il presente. Finiva così, con questa frase lapidaria come incisa nel bronzo, l’ultimo mio sogno del mattino. Non afferro più esattamente la matassa onirica che mi ha aggrovigliato forse per una manciata di secondi,...

leggi tutto
Come un arcobaleno

Come un arcobaleno

Capita a volte di sentirsi malinconici senza un motivo evidente. Si galleggia in uno stato di ombroso languore che non conosce ragione ma che vuole essere ascoltato, come una voce interiore, chiara e distinta. Che sia la coscienza? E allora, frugando dentro questo...

leggi tutto

A spasso con gli spiriti di Cetto

Anche oggi ho imparato come dentro una manciata di casupole appollaiate tra le belle valli del Canton Ticino si possa annidare una misteriosa storia da raccontare. Mi è capitato percorrendo la stradina che da Cabbio conduce a Cetto, poco sotto il Sasso Gordona, in una...

leggi tutto
La signora degli uccelli

La signora degli uccelli

Metti una mattina malinconicamente uggiosa. Metti una passeggiata nel parco senza incontrare quasi alcuna anima viva. E metti un silenzio avvolgente, rassicurante, che coccola una piacevole solitudine. È un manto plumbeo e soffice, trapuntato dal leggero tic toc dei...

leggi tutto
Il silenzio

Il silenzio

Ciò che non si può trasformare in qualcosa di meraviglioso, bisogna lasciarlo andare. La saggezza emotiva di Anaïs emana un sottile velo di malinconia nell’abbandonare ciò che ancora desidera. Pare di vedere la sua mano trattenere per un ultimo istante la camicia di...

leggi tutto
Padroni del proprio tempo

Padroni del proprio tempo

“Quanto durano dieci minuti?” Suona senza un senso apparente questa domanda che, probabilmente, solo un bambino piccolo potrebbe porre a un adulto, mettendolo in seria difficoltà.  La comprensione del concetto di tempo, infatti, non è facilmente intuibile...

leggi tutto