privé

Taste & Travel Privé è una parentesi letteraria più intima, dove l’anima si rivela attraverso le parole.

Torno a casa, Lexie

Torno a casa, Lexie

Biondi, ricciuti, bruni, irsuti, briosi, coccolosi. Sarà una coincidenza ma da quando la scorsa primavera ci ha condotto verso un sentiero fatto di necessario isolamento e di crescente frustrazione, si è notato un singolare aumento di … cani. Prevalentemente cuccioli...

leggi tutto
Nel Parco incantato con sorpresa

Nel Parco incantato con sorpresa

È una notte particolarmente invitante per fare due passi nel parco. Sono appena le 20.50 e le luci che ammiccano nel buio appaiono come richiami misteriosi, mentre la città puntuale si veste in abito da sera.  Non è il solito Parco Ciani quello di questi giorni...

leggi tutto
Il bello della neve e il suo contrario

Il bello della neve e il suo contrario

Ieri avevo pubblicato qualcosa sulla magia della neve. Sulla sua bellezza, che incanta per la sua purezza. E le immagini che spopolano sul web in questi giorni raccontano la stessa fiaba, al cospetto della quale, evidentemente, tutti si sdilinquiscono come bambini....

leggi tutto
Julier Pass e la Torre di Babele

Julier Pass e la Torre di Babele

Mi emoziona sempre percorrere un Passo. In pochi minuti d’auto si sguscia fuori dall’urbanità per risalire i tornanti che, come serpenti, scivolano addosso ai fianchi della montagna risalendola fino al suo culmine, prima di ridiscendere con lo stesso ondulante ritmo....

leggi tutto
Il Mulino in fiamme

Il Mulino in fiamme

Sono le cinque del pomeriggio. Dalla finestra del mio studio fotografo un tramonto da favola. Nuvole d’albicocca e pesca si stemperano sopra la costa di Riva San Vitale. Poesia. Improvvisamente un boato. Dal lato opposto della mia casa una nuvola di denso fumo nero si...

leggi tutto
Numeri e nomi al tempo del Covid

Numeri e nomi al tempo del Covid

C’è qualcosa di stonato nel marasma d’informazioni che da mesi ci mitraglia. I giornali, la televisione e il web ci hanno ipnotizzati rifilandoci ogni giorno dati, cifre, livelli, percentuali della situazione virale internazionale. Aggiornandoci di ora in ora, per...

leggi tutto
Alpe Foppa, la montagna degli angeli

Alpe Foppa, la montagna degli angeli

Ci sono cose al mondo che sembrano esistere da sempre. Impossibile pensare che “ieri” non ci fossero. Una di  queste l’ho incontrata ieri per la prima volta, durante una delle mie fughe in libertà attraverso i boschi ancora pennellati di seducente...

leggi tutto
Caos, bellezza e consolazione

Caos, bellezza e consolazione

Primo marzo, Phuket. Primo novembre, Lugano. Nel mezzo, il caos. Nove mesi, una mostruosa gestazione che dalla scorsa primavera ha partorito un mondo nuovo, stravolgendo il nostro modo di pensare, di vivere e di convivere. Degli spensierati tramonti thailandesi...

leggi tutto
Streghe, angeli e coniglietti

Streghe, angeli e coniglietti

Streghe e zucche, angeli e stelle. In questo periodo i riti comandati si rincorrono e si accavallano in una distorta gara tra profanità e sacralità che fa dei grandi centri commerciali dei grotteschi templi del consumismo. Basta passare da un piano all’altro di un...

leggi tutto
Vedo il tempo che scorre

Vedo il tempo che scorre

Uscir di casa per due passi e finir col fare venti chilometri in mezzo alla natura.  Trovo che questa sia una delle opportunità più preziose che il Paese in cui vivo offre. La bellezza di levarsi di dosso il grigiore dell’urbanità per immergersi direttamente negli...

leggi tutto
La sofferenza di un ulivo, la voce di un uomo

La sofferenza di un ulivo, la voce di un uomo

Il 17 luglio ricorre il primo anniversario della morte di Andrea Camilleri. Mi piace ricordarlo con un’ampia citazione presa dal romanzo La gita a Tindari. In particolare mi ha sempre colpito un riferimento all'olivo saraceno, le cui radici ricordano quelle di un...

leggi tutto
Il sorriso negli occhi

Il sorriso negli occhi

Ci sono giornate immobili. Come questa. Nonostante i soliti chilometri calpestati con energetico piacere, il tempo interiore non scorre e si sottrae all’inesorabilità di quello esterno.  Sarà colpa, forse, di certi pensieri che anziché srotolarsi in scioltezza insieme...

leggi tutto
Il vecchio faggio e la corte delle betulle

Il vecchio faggio e la corte delle betulle

Una delle maestose montagne che profilano il Luganese è considerata spesso una tappa anziché una meta. È il Monte Gradiccioli che, con i suoi 1936 metri d’altezza, collega il Monte Lema al Monte Tamaro. La cosiddetta “Traversata” è uno dei percorsi più cari agli...

leggi tutto

Il peso della leggerezza

Poco a poco le giornate si stanno riappropriando della loro normalità. Lo dicono i rumori.  Sì, perché quel silenzio ovattato che regnava sovrano nelle scorse settimane, ora ricomincia ad essere infranto da chi finalmente ha la possibilità di riprendere a lavorare....

leggi tutto

Voli di rondine, il nostro domani

Era il 17 febbraio, un lunedì, e partivo per la Thailandia. Poco più di due mesi fa, eppure sembra essere passato un secolo. Anzi, sembra essere cambiato il mondo e, forse, davvero lo è. Il consueto modo di dire thai “sabai sabai” , ovvero “non ti...

leggi tutto

L’alba indicibile della vecchiaia

“Anziani”, “over 65”, “capelli bianchi” … In queste settimane sembra che la vecchiaia sia solo sinonimo di fragilità, di debolezza, di precarietà. E come tale va aiutata e protetta. E ciò è vero se all’età avanzata s’accompagna qualche sventura personale, ma...

leggi tutto