privé

Taste & Travel Privé è una parentesi letteraria più intima, dove l’anima si rivela attraverso le parole.

Giochi, errori e sogni

Giochi, errori e sogni

Non gioco più. Mi fermo e ascolto cosa può portare il presente. Finiva così, con questa frase lapidaria come incisa nel bronzo, l’ultimo mio sogno del mattino. Non afferro più esattamente la matassa onirica che mi ha aggrovigliato forse per una manciata di secondi,...

leggi tutto
Come un arcobaleno

Come un arcobaleno

Capita a volte di sentirsi malinconici senza un motivo evidente. Si galleggia in uno stato di ombroso languore che non conosce ragione ma che vuole essere ascoltato, come una voce interiore, chiara e distinta. Che sia la coscienza? E allora, frugando dentro questo...

leggi tutto

A spasso con gli spiriti di Cetto

Anche oggi ho imparato come dentro una manciata di casupole appollaiate tra le belle valli del Canton Ticino si possa annidare una misteriosa storia da raccontare. Mi è capitato percorrendo la stradina che da Cabbio conduce a Cetto, poco sotto il Sasso Gordona, in una...

leggi tutto
La signora degli uccelli

La signora degli uccelli

Metti una mattina malinconicamente uggiosa. Metti una passeggiata nel parco senza incontrare quasi alcuna anima viva. E metti un silenzio avvolgente, rassicurante, che coccola una piacevole solitudine. È un manto plumbeo e soffice, trapuntato dal leggero tic toc dei...

leggi tutto
Il silenzio

Il silenzio

Ciò che non si può trasformare in qualcosa di meraviglioso, bisogna lasciarlo andare. La saggezza emotiva di Anaïs emana un sottile velo di malinconia nell’abbandonare ciò che ancora desidera. Pare di vedere la sua mano trattenere per un ultimo istante la camicia di...

leggi tutto
Padroni del proprio tempo

Padroni del proprio tempo

“Quanto durano dieci minuti?” Suona senza un senso apparente questa domanda che, probabilmente, solo un bambino piccolo potrebbe porre a un adulto, mettendolo in seria difficoltà.  La comprensione del concetto di tempo, infatti, non è facilmente intuibile...

leggi tutto
Pioggia, vapore e lentezza

Pioggia, vapore e lentezza

Questa mattina il lago pareva essere tutt’uno con le nuvole. Una sottile pioggerellina contribuiva a rendere l’atmosfera già lattiginosa ancor più soffice, vaporosa.  Camminavo con piacere, sostenuta da una sensazione di leggerezza, come se i miei stessi passi...

leggi tutto

Come uno scoiattolo

Questa mattina uno scoiattolo mi ha suggerito un pensiero. Gli avevo lasciato tre noci sul davanzale della finestra, dove abitualmente, ormai da mesi, viene a rifocillarsi. L’ho spiato. Con la solita disinvoltura è saltato sul davanzale e ha agguantato con le zampine...

leggi tutto
In viaggio con Henry e Anaïs

In viaggio con Henry e Anaïs

“Amo viaggiare. Ma soprattutto amo viaggiare dentro di te.” Poco fa, camminando per le vie desolatamente deserte di una città impaludata nel suo grigiore, mi sono affiorate alla mente queste parole. Il ritmo dei miei passi sull’asfalto ha fatto emergere dal silenzio...

leggi tutto
Torno a casa, Lexie

Torno a casa, Lexie

Biondi, ricciuti, bruni, irsuti, briosi, coccolosi. Sarà una coincidenza ma da quando la scorsa primavera ci ha condotto verso un sentiero fatto di necessario isolamento e di crescente frustrazione, si è notato un singolare aumento di … cani. Prevalentemente cuccioli...

leggi tutto
Nel Parco incantato con sorpresa

Nel Parco incantato con sorpresa

È una notte particolarmente invitante per fare due passi nel parco. Sono appena le 20.50 e le luci che ammiccano nel buio appaiono come richiami misteriosi, mentre la città puntuale si veste in abito da sera.  Non è il solito Parco Ciani quello di questi giorni...

leggi tutto
Il bello della neve e il suo contrario

Il bello della neve e il suo contrario

Ieri avevo pubblicato qualcosa sulla magia della neve. Sulla sua bellezza, che incanta per la sua purezza. E le immagini che spopolano sul web in questi giorni raccontano la stessa fiaba, al cospetto della quale, evidentemente, tutti si sdilinquiscono come bambini....

leggi tutto
Julier Pass e la Torre di Babele

Julier Pass e la Torre di Babele

Mi emoziona sempre percorrere un Passo. In pochi minuti d’auto si sguscia fuori dall’urbanità per risalire i tornanti che, come serpenti, scivolano addosso ai fianchi della montagna risalendola fino al suo culmine, prima di ridiscendere con lo stesso ondulante ritmo....

leggi tutto
Il Mulino in fiamme

Il Mulino in fiamme

Sono le cinque del pomeriggio. Dalla finestra del mio studio fotografo un tramonto da favola. Nuvole d’albicocca e pesca si stemperano sopra la costa di Riva San Vitale. Poesia. Improvvisamente un boato. Dal lato opposto della mia casa una nuvola di denso fumo nero si...

leggi tutto
Numeri e nomi al tempo del Covid

Numeri e nomi al tempo del Covid

C’è qualcosa di stonato nel marasma d’informazioni che da mesi ci mitraglia. I giornali, la televisione e il web ci hanno ipnotizzati rifilandoci ogni giorno dati, cifre, livelli, percentuali della situazione virale internazionale. Aggiornandoci di ora in ora, per...

leggi tutto
Alpe Foppa, la montagna degli angeli

Alpe Foppa, la montagna degli angeli

Ci sono cose al mondo che sembrano esistere da sempre. Impossibile pensare che “ieri” non ci fossero. Una di  queste l’ho incontrata ieri per la prima volta, durante una delle mie fughe in libertà attraverso i boschi ancora pennellati di seducente...

leggi tutto
Caos, bellezza e consolazione

Caos, bellezza e consolazione

Primo marzo, Phuket. Primo novembre, Lugano. Nel mezzo, il caos. Nove mesi, una mostruosa gestazione che dalla scorsa primavera ha partorito un mondo nuovo, stravolgendo il nostro modo di pensare, di vivere e di convivere. Degli spensierati tramonti thailandesi...

leggi tutto
Streghe, angeli e coniglietti

Streghe, angeli e coniglietti

Streghe e zucche, angeli e stelle. In questo periodo i riti comandati si rincorrono e si accavallano in una distorta gara tra profanità e sacralità che fa dei grandi centri commerciali dei grotteschi templi del consumismo. Basta passare da un piano all’altro di un...

leggi tutto